Conferenza stampa prima della semifinale playoff

Le parole alla vigilia della semifinale di Serie A2 tra Sacco Legnano e Sestese del manager Armando Aguiar ed il direttore sportivo lato softball Chicco Pisi

Partiamo dalle note liete, come giudichi il percorso che ha fatto questa squadra lungo l’anno?
AA: “Abbiamo partecipato ad un girone forte con tante squadre competitive. Siamo tutti molto contenti per il risultato che abbiamo ottenuto”
CP: “Abbiamo fatto un percorso importante, non lineare nelle prestazioni con alti e bassi nello sviluppo della prestazione e con un approccio alla gara non sempre ottimale, ma sono comunque fattori normali e propri di una squadra giovane ed in fase di sviluppo. Questo play off che la atlete hanno conquistato con fatica e merito è un successo di tutte le componenti del nuovo Legnano, un gruppo che lavora insieme da poco più di 600 giorni ma che in poco tempo sta operando per un futuro importante”

Ai playoff c’è la Sestese, che cerca l’immediata risalita in A1 e per farlo si è rinforzata con molte olandesi di livello internazionale. Quali sono le reali possibilità con cui Legnano si presenta all’appuntamento?
AA: “La nostra è una squadra giovane, con media di 20 anni. Abbiamo tante potenzialità ed un ottimo livello tecnico, però c’è da crescere e migliorare sul lato tattico. Noi andiamo a giocare con alcune difficoltà e abbiamo due ricevitori U18 che hanno giocato molto poco in questo campionato e anche il nostro monte di lancio è molto giovane. Abbiamo questa difficoltà, siamo la stessa squadra che ha ottenuto questo risultato e andiamo a giocare contro chi ha aggiunto tre olandesi al proprio roster e l’ultima parola spetta al campo”
CP: “Noi andiamo per vincere anche se per precisa scelta non abbiamo modificato pur avendone avuto la possibilità il nostro roster, abbiamo una squadra giovane che per crescere ha necessità di confrontarsi contro avversarie importanti e strutturati per la promozione come è la Sestese”

Quali sono gli aspetti con cui possono essere messe in difficoltà le toscane?
AA: “Possiamo metterle in difficoltà con la velocità sulle basi: gioco corto, gioco dinamico e creativo. È una squadra giovane e veloce quindi andiamo avanti con questo gioco”
CP: “Lo staff ha una strategia ben precisa che la squadra dovrà tradurre in azioni concrete senza se e senza ma, una palla alla volta e alla fine tireremo le somme”

Il gruppo ha subito alcuni cambi dell’ultimo minuto, può influire questo e come si è pensato di intervenire?
CP: “L inserimento delle under del Milano non deve ritenersi una novità visto che già durante la regular season avevano fatto apparizioni con noi”

Leave a Reply